JULIANNA BARWICK

 

Healing Is A Miracle’ è il nuovo album di Julianna Barwick, in uscita il 10 luglio in digitale, vinile e cd.

Un disco importante che segna un cambiamento di etichetta discografica: dalla Dead Oceans con cui aveva pubblicato gli ultimi due album 'Will' e 'Nepenthe', la cantautrice originaria della Louisiana approda adesso alla londinese Ninja Tune.

 

‘Healing Is A Miracle’ è un lavoro basato sull'improvvisazione, una meditazione distintiva sul suono, sul riverbero e sulla voce con il supporto di un paio di apparecchiature tecnologiche, dalle quali nascono universi avvincenti ed espansivi. Inoltre la Barwick attinge al contributo di tre collaboratori con cui nel corso degli anni ha coltivato profonde amicizie: Jónsi (Sigur Rós), Nosaj Thing e Mary Lattimore.

 

Registrato sulla scia di un cambiamento quasi sismico nella sua vita, a seguito di un trasferimento da New York - dove aveva vissuto per 16 anni - a Los Angeles, il titolo del disco le è venuto in mente dopo aver pensato al modo in cui il corpo umano guarisce sè stesso, dei processi miracolosi a cui prestiamo poca attenzione: ‘Ti tagli la mano, sembra piuttosto male, e due settimane dopo sembra che non sia mai successo ... È un po 'sorprendente, sai?’ È un sentimento che sembra particolarmente adatto al momento. Si tratta di seguire il proprio istinto e vedere dove ci porta.

 

‘Healing Is A Miracle’ è nato nella primavera dello scorso anno, quando Barwick ha iniziato a delineare alcune idee per il nuovo materiale da solista, con il suo set di loop vocali. ‘Era passato tanto tempo da quando l'avevo fatto’, ricorda, ‘fare qualcosa per me stesso, solo per amore ... è stato emozionante, perché stavo registrando musica che proveniva solo dal cuore, non era per un 'incarico' o un progetto ... mi ha fatto piangere un po’.

 

Parte della gioia proveniva anche da un piccolo ma significativo passaggio al suo nuovo processo di registrazione: l'aggiunta di alcuni monitor da studio, un regalo di compleanno di Jónsi e Alex (Somers), per lei che aveva precedentemente registrato tutta la sua musica in cuffia. ‘La prima canzone che ricordo di aver fatto con quelle è stata la prima canzone dell'album, 'Inspirit', spiega: ‘Quando ho aggiunto il basso, l'ho sentito davvero nel mio corpo, sai, in un modo che non avresti percepito con le cuffie ... è stato un po 'euforico e divertente. Sono stata davvero entusiasta di fare il disco in quel momento, e penso che anche i suoni abbiano davvero avuto un impatto su ciò che ho finito per produrre‘.

 

La gioia è arrivata anche dalla possibilità di lavorare con tre collaboratori dei sogni. La sua connessione con Jónsi è iniziata tramite il produttore Alex Somers, quando Barwick è volata a Reykjavík per registrare alcune sessioni per ‘Nepenthe’, un viaggio che avrebbe iniziato una lunga affinità con l'Islanda e le persone di quei luoghi. ‘Penso che abbia la migliore voce al mondo’, dice, ‘e ascoltare la mia voce con quella di Jonsi è una delle gioie della mia vita’. Nosaj Thing, produttrice di elettronica molto rispettata della scena di Los Angeles che ha lavorato con artisti del calibro di Kendrick Lamar, si era messa in contatto con lei per esprimere il suo affetto dopo aver ascoltato ‘The Magic Place’ (Asthmatic Kitty, 2011) , e da allora hanno sempre cercato di lavorare insieme. Barwick e Lattimore avevano stretto un'amicizia per molti anni esibendosi dal vivo insieme, e si erano trasferite a Los Angeles nello stesso periodo. Trovandosi per la prima volta tutti nella stessa città, era naturale collaborare per la produzione del disco aggiungendo una sensazione di novità.

 

Oltre ai suoi dischi, gli impressionanti spettacoli dal vivo di Barwick hanno ottenuto incredibili elogi dal The Guardian, che ha descritto la sua esibizione come ‘squisita nella sua eloquenza, riflessione e compassione’, The New York Times, NPR e altro ancora. Ha anche supportato e suonato con una straordinaria gamma di artisti tra cui Bon Iver, Grouper, Explosions in the Sky, Sigur Rós, Sharon Van Etten, Angel Olsen, Perfume Genius, Mas Ysa e Nat Baldwin.

 

Nel corso degli anni, la Barwick è stata inoltre coinvolta in alcune collaborazioni rivoluzionarie: nel 2015 ha preso parte allo spettacolo della Carnegie Hall dei Flaming Lips, esibendosi all'interno del loro lavoro su ‘Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band’, insieme a Phillip Glass, Debbie Harry, Laurie Anderson e Patti Smith. Nello stesso anno è stata invitata a suonare due spettacoli con Yoko Ono, uno al MoMA (‘la mia preferita in assoluto’) e uno a Central Park. Nel 2012 ha pubblicato un album collaborativo con Helado Negro come OMBRE, e ha anche pubblicato un singolo collaborativo con Rafael Anton Isarri su Thesis. Più recentemente, per la label di Brooklyn RVNG Intl ha pubblicato ‘Command Synthesis’, un EP di cinque tracce prodotte con alcuni processi di AI di Microsoft,  la prima colonna sonora interattiva per la lobby di un hotel, il Sister City di New York. Nel 2019 ha collaborato con Doug Aitken per il suo progetto artistico nomade, e ha creato straordinarie esibizioni nel deserto del Massachusetts.

 

La grafica dell'album è stata prodotta in Islanda da Joel Kazuo Knoernschild ed è tratta da una serie di film aerei girati da droni sopra la costa mozzafiato del paese, che compongono anche il video di ‘Inspirit’.

 

 

 

 

© 2020 GOOD ONES PR 

Music PR Services Italy
  • spotifybiancopersito
  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle